Super Bowl XLIX, University of Phoenix Stadium

vista esterna dello stadio
ph Diane Wood

.
A meno di un'ora dall'inizio del più grande show sportivo dell'anno, tutto quello che dovete sapere sullo University of Phoenix Stadium di Glendale, Arizona.

anno di costruzione: 2003-2006
inaugurazione: 1 agosto 2006
capienza: 63.400 posti tutti a sedere; ampliabile fino a 72.200 posti

architetti: Eisneman Architects; Populous (ex HOK Sports)
ingegneri: TCLP Structural Inc; Walter P. Moore; Buro Happold

costo del progetto: 455 milioni di $, così suddivisi:
  • stadio: $395,4 milioni
  • interventi di miglioria sull'area circostante: $41,7 milioni
  • acquisto del terreno: $17.8 milioni
La forma dello stadio è stata modellata su quella del "barrel cactus", una specie di pianta del genere Ferocactus dalla forma vagamente globosa.

Ha già ospitato il Super Bowl XLII, giocato il 3 febbraio 2008 e vinto dai NY Giants, 17-14 contro i New England Patriots.
Il mensile "Bloomberg BusinessWeek" ha inserito lo stadio nella lista dei 10 impianti sportivi più importanti del pianeta, soprattutto grazie alle caratteristiche - combinate - della copertura mobile e del terreno di gioco estraibile all'esterno dell'impianto (aspetti in comune con gli stadi europei GelreDome, Arnhem, e Veltins Arena, Gelsenkirchen).


interno dello stadio prima di una partita
ph orrrie.com

Squadre proprietarie: Arizona Cardinals (NFL, 2006-oggi); Fiesta Bowl (NCAA, 2007-oggi)

Prima di spostarsi allo University of Phoenix Stadium, gli Arizona Cardinals hanno giocato al vecchio Sun Devil Stadium, dal 1988 al 2005 - situato nel campus della Arizona State University.

I Cardinals hanno vinto la prima partita ufficiale giocata qui, 34-27 contro i San Francisco 49ers, il 10 settembre 2006.

14.000, è il numero di parcheggi presenti nell'area dello stadio
88, sono le "luxury suites" dell'impianto

NON c'è nemmeno un singolo posto con visuale parzialmente ostruita; in sede di progettazione si decise di non inserire posti a sedere nelle zone dell'anello superiore dove la visuale sarebbe stata ostacolata dai grossi pilastri della copertura.

La copertura è costituita da una membrana traslucida e il tempo di apertura della struttura è di 20 minutiÈ la prima copertura mobile esistente costruita su un piano inclinato.


il campo mobile all'esterno Phoenix Stadium

vista aerea notturna



*
Condividi questo articolo sui social usando i bottoni laterali, iscriviti al blog per ricevere ogni aggiornamento e commenta con le tue opinioni, critiche o consigli. Per scrivermi via email o seguirmi sui profili social, fare riferimento alla pagina "Contatti".

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Commenti