Highbury, perché la North Bank si chiamava così?

Uno dei cori più in voga tra i tifosi dell'Arsenal al vecchio stadio di Highbury, era:
We're the North Bank
We're the North Bank
We're the North Bank, Highbury
Ogni tanto i tifosi presenti nell'opposta Clock End rispondevano a loro volta e il coro si alternava da un lato all'altro. Ma, di preciso, quando iniziò a essere cantato questo coro e chi lo ideò? (foto in alto, la North Bank prima del 1992 - elaborazione foto Richey Estcourt)

Dopo il trasferimento ad Highbury nel 1913, la gradinata sul lato nord dello stadio era solitamente chiamata "gradinata Gillespie Road" o "Laundry End", per la presenza della lavanderia Mayfield sul retro della struttura. Dando un'occhiata ai match programme d'epoca, il primo riferimento alla North Bank è in una lettera scritta da A. Green e pubblicata nel programma di Arsenal-Leeds del 12 aprile 1969 (v. foto a destra):

Scrivo questa lettera a nome dei tifosi dell'Arsenal che occupano la North Bank durante tutte le partite casalinghe. Molte persone pensano che siamo un gruppo di delinquenti e la polizia non usa certo mezze misure con noi. Ci spingono e strattonano e spesso si fanno largo a suon di pugni, prendendosela con i più giovani senza motivo.Sono stufo delle cose che vengono dette su di noi. La verità è che siamo tifosi fedeli alla squadra e la seguiamo ovunque su e giù per il paese (e presto anche in Europa). Il modo in cui cantiamo e incitiamo la squadra può solo essere motivo d'orgoglio per l'Arsenal. Quindi dico alla polizia, e al Club stesso: "Non trattateci come i delinquenti della gradinata dietro la porta, ma come tifosi e la North Bank tratterà le altre persone e la polizia con il massimo rispetto".
La lavanderia indicata sulla mappa proprio dietro alla gradinata.

Prima di questa data il Club si riferiva a questa gradinata con la definizione "Gradinata Nord", come si evince da questo avviso ai tifosi dell'agosto 1967, successivo a un'amichevole pre-campionato contro i Rangers (v. foto sotto):
BASTA BOTTIGLIE 
Molti dei nostri tifosi avranno letto sui giornali, o sentito alla radio, che il Club ha deciso di sospendere la vendita di birre e altre bevande in bottiglia o lattina nei bar che servono le gradinate dello stadio con posti in piedi. Anche se ciò si verificasse, gli inservienti hanno avuto istruzione di non permetterne l'introduzione all'interno dell'impianto. La decisione di limitare alcuni servizi per i tifosi è sicuramente una decisione spiacevole. Fatti come quello accaduto nella Gradinata Nord durante la recente partita contro i Rangers non possono essere tollerati, e senza provvedimenti forti e immediati le gradinate rischiano di diventare un luogo per delinquenti; le persone perbene saranno costrette ad andarsene. Nonostante in questo caso gli incidenti fossero stati provocati dai tifosi dei Rangers, abbiamo abbastanza prove dalla scorsa stagione che queste cose potrebbero ripetersi.
Il trafiletto sui fatti di Arsenal-Rangers (a sx) e l'avviso del Club ai tifosi (a dx)

Ovviamente è probabile che il termine North Bank fosse stato coniato dai tifosi, e non dall'Arsenal, e che questi lo utilizzassero già prima di questa data, ma il Club aveva sempre evitato di uniformarsi. Poco dopo essere diventato direttore del match programme, nel 1983, Kevin Connolly chiese pubblicamente ai tifosi se conoscessero la genesi o l'origine del nome. Martin Wengrove e George Haydon risposero alla domanda e, tra le loro due versioni, si riesce a risalire a un paio di partite specifiche (v. foto a destra):

LAUNDRY END 
Ci sono tifosi che sanno come mai la North Bank si chiama così - e quando iniziò a essere nota come tale? I tifosi più anziani mi hanno detto che la North Bank si chiamava Laundry End, per una grossa lavanderia presente su Gillespie Road, sul retro dello stadio. Avete altre informazioni?
NORTH BANK 
Grazie a tutti i tifosi che hanno risposto, in riferimento ai ricordi sulla Laundry End, oggi nota come North Bank. Quel nome è com'era conosciuta prima e dopo la guerra. E ho ricevuto teorie valide sul 'come' sia poi diventata North BankMartin Wengrove afferma che prese questo nome durante una partita di coppa della stagione 1966/67, quando la polizia voleva far spostare avanti una parte dei tifosi e lo speaker chiese ai tifosi della North Bank di seguire le indicazioni. I giovani in gradinata adottarono subito il nome e iniziarono a cantare: "We're the North Bank, we're the North Bank..."George Haydon suggerisce che i nostri tifosi scelsero il nome dopo una gara di coppa in trasferta a Bolton, perché un'area del Burnden Park era chiamata North Bank.

.
Sembra plausibile che questi due tifosi parlino del 4° turno di FA Cup contro il Bolton in casa il 18 febbraio 1967 e del replay il 22 febbraio 1967. Ma certamente più importante, sembra che il nome "North Bank" sia stato proposto dalle forze dell'ordine!

Di recente ci ha contattato Eddie Hatdu, con una foto apparsa in un giornale di Bristol il 28 gennaio 1967, quando l'Arsenal giocò a Bristol (contro i Rovers) in FA Cup (v. sotto). Questo verrebbe temporalmente prima della sfida con il Bolton, di un paio di settimane. Appena sotto la lettera "N" di "North" nello striscione, si nota un giovane Charlie George che era al suo primo anno nelle giovanili del Club. Eddie aggiunge che la gradinata era chiamata così già da chi la frequentava negli anni '60, ed era più semplice farne un coro rispetto a "Laundry". La polizia, quindi, ne adottò la definizione dai tifosi che erano sempre presenti lì ogni settimana.




Questo articolo è stato scritto da Andy Kelly ed è apparso originariamente in lingua inglese su thearsenalhistory.com, il 9 maggio 2015.

per saperne di più:
  • We're the North Bank, Highbury... but who named it?, da The Arsenal History, in inglese, link
  • Highbury, costruzione di un'identità, da questo blog, link
La "nuova" North Bank, ricostruita tra il 1992 e il 1993 (foto Steve Gleiber)


*
Condividi questo articolo sui social usando i bottoni laterali, iscriviti al blog per ricevere ogni aggiornamento e commenta con le tue opinioni, critiche o consigli. Per scrivermi via email o seguirmi sui profili social, fare riferimento alla pagina "Contatti".

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Commenti