• News

    Cile, tutti gli stadi della Copa América 2015




    Sta per partire la 44esima edizione della Copa América, la rassegna 2015 del torneo continentale, che si svolgerà in Cile dall'11 giugno al 4 luglio. E l'occasione è ottima per andare a scoprire tutti gli stadi in cui si disputeranno le partite del torneo, 9 impianti dislocati in 8 città del paese, ristrutturati e ammodernati proprio in occasione di questa competizione.

    Ne ho scritto in forma di schede brevi per mondopallone.it (l'articolo originale lo trovate qui) ma è molto interessante l'operazione di restyling che è stata approntata per la maggior parte degli impianti, negli ultimi 4-5 anni, pensando a un ipotetico parallelo con i nostri stadi italiani. C'è, infatti, una forte similitudine tra gli impianti italiani e quelli sudamericani, soprattutto nella tipologia e nelle strutture - conseguenza dell'epoca in cui sono stati costruiti. E il caso del Cile potrebbe (e dovrebbe) esser visto come un importante spunto nell'ottica di ristrutturare alcuni degli stadi più importanti tra Serie A e Serie B. Come vedremo a breve, l'ammodernamento delle infrastrutture e dei servizi è stata la voce principali dei progetti cileni, nell'ottica di portare edifici costruiti tra gli anni '30 e '60 del '900 a standard contemporanei di fruibilità per lo spettatore e gli addetti ai lavori.

    Tranne che per il caso dell'Estadio Germán Becker di Temuco, non ci sono stati stravolgimenti di forme (banalmente, la struttura a pianta ovale è rimasta invariata) ma ne sono derivati stadi più moderni, più avanzati architettonicamente e anche più belli dal punto di vista estetico. E questo, a parer mio, è un esempio da tenere in considerazione quando si ragiona sull'eventuale ristrutturazione di edifici quali il Bentegodi di Verona, il San Paolo di Napoli o il Renzo Barbera di Palermo. D'altronde, la nostra "cultura" architettonica - per quel che riguarda il calcio - è molto più vicina ai paesi latini (per tradizione ed effettiva produzione costruttiva) piuttosto che a quegli esempi del centro e nord Europa che troppo spesso guardiamo come unico e incontrastato mito della nuova generazione di stadi per il calcio.

    *

    Gli stadi della Copa América 2015 sono 9, in 8 città del Cile (qui di seguito in ordine alfabetico per città):
    • Estadio Regional de Antofagasta, Antofagasta (21.100 posti);
    • Estadio Municipal de Concepción, Concepción (33.000);
    • Estadio La Portada, La Serena (18.243);
    • Estadio El Teniente, Rancagua (15.252);
    • Estadio Monumental David Arellano, Santiago (47.347);
    • Estadio Nacional, Santiago (48.665);
    • Estadio Municipal Germán Becker, Temuco (18.936);
    • Estadio Elías Figueroa, Valparaíso (23.000);
    • Estadio Sausalito, Viña del Mar (25.000).


    Avanzamento lavori, 1963
    L'Estadio Regional de Antofagasta merita un approfondimento, in quanto il progetto di ristrutturazione - completato tra il 2011 e il 2013 - conferma proprio ciò di cui parlavo in precedenza. Conosciuto ufficialmente come Estadio Regional Calvo y Bascuñán, lo stadio viene progettato a partire dal 1955 quando inizia l'organizzazione dei Mondiali 1962, ospitati dal Cile. Antofagasta è nella rosa delle città che possono aggiudicarsi alcune partite del torneo ma nel 1961, quando i lavori sono appena iniziati, arriva l'esclusione in favore di Arica (Estadio Carlos Dittborn) e un brusco stop alla costruzione dell'impianto. Si riprende nel dicembre 1962, con nuovi fondi privati e in due anni si arriva all'inaugurazione, con la partita amichevole persa dalla squadra locale Unión Bellavista, 1-3 contro l'Universidad Católica.

    La posizione dello stadio ne determina anche la struttura: inserito in una conca naturale, su pianta ovale, ha una tribuna indipendente costruita su pilastri di cemento armato, mentre il resto dell'impianto si adagia sul pendio del terreno. Ne consegue che l'unico anello di gradinate si "allarga" man mano che si arrampica idealmente sulla collina che gli fa da sostegno, passando da una decina di file nella zona dietro le porte, a quasi 40 nel punto più alto del lato lungo del campo. Nel 1966 viene aggiunta una pista d'atletica a 6 corsie (diventeranno 8 nel 2006) e lo stadio resta invariato fino al decennio attuale, andando incontro, però, a un lento deterioramento strutturale - anche dovuto alla vicinanza col mare e all'effetto delle intemperie sui materiali.


    studio dei prospetti progettuali

    foto Andrés Valle | archdaily




    .
    Il primo progetto di ristrutturazione arriva nel 2009 e nel 2011 c'è il via ai lavori. L'idea principale è di produrre una nuova visione dell'impianto, nel suo complesso, mantenendo una fedeltà all'identità del luogo e alle sue caratteristiche originali di forma e struttura. Aumentare l'impatto visivo (anche con nuovi colori esterni), creare continuità tra il vecchio e il nuovo, rispettare la natura del pendio su cui insiste l'edificio e mantenere l'ingombro generale delle gradinate sono i punti fondamentali, che portano lo studio Valle & Cornejo + Nicolas Lipthay ad accentuare la curiosa forma inclinata dello stadio, elevandola a vera icona architettonica di Antofagasta.

    Un anello di copertura in membrana semi-trasparente viene teso sugli spalti e avvolge lo stadio in unione a un'interessante scelta per le paratìe esterne, costituite da singoli pannelli colorati sulle gradazioni del blu (così come i seggiolini all'interno) distribuiti secondo una scansione solo a prima vista casuale. L'intera struttura poggia su pilastri in cemento armato di diverse altezze, ben visibili e caratteristici dell'impianto, che sottolineano il periodo costruttivo originale dell'edificio e rimarcano il declivio sottostante del terreno. In aggiunta a questo, il progetto ha rivisto anche i punti di accesso urbani esterni, accentrandoli su due aree specifiche, incanalando e semplificando il traffico circostante.






    *

    Concepcion, anni '90 
    Estadio Municipal de Concepción
    , Concepción
    : altro impianto datato anni ’60, lo stadio di Concepción ha già ospitato l’edizione del 1991 della Copa América. Inaugurato nel 1962 sul progetto dell’architetto cileno Mario Recordón (già firma del Monumental di Santiago e dell’impianto di Antofagasta, appena visto in precedenza), aveva una struttura ovale piuttosto curiosa: il primo anello correva tutto intorno al campo, mentre il secondo era presente solo nelle due tribune principale, per una struttura che risultava “interrotta” sui lati dietro le porte. La ristrutturazione avvenuta negli ultimi tre anni, e costata circa 30mln $, ha portato l’intero impianto ad avere due anelli di gradinata attorno al campo, con l’aggiunta di una copertura completa costituita da tiranti e pannelli in membrana semi-trasparente disposti secondo una trama poligonale.



    Concepción, avanzamento lavori, 2014
    *


    Estadio La Portada, La Serena: classico ovale sudamericano, inaugurato nel 1952, anch’esso ha beneficiato di un’ampia ristrutturazione in vista di questa Copa América, che ne ha anche aumentato la capienza, passata da 12.000 a circa 18.000 posti. La pista d’atletica penalizza la visuale sul campo, ma la scansione strutturale delle gradinate è stata rivista e migliorata, con l’aggiunta di una copertura particolare nella sua conformazione: la struttura, infatti, si sviluppa su dimensioni diverse, coprendo interamente le due tribune centrali e riducendosi gradualmente verso le curve, fungendo più da “velario” che da effettivo riparo dalle intemperie.

    *

    cartolina d'epoca, 1962
    Estadio El Teniente
    , Rancagua
    : a circa un’ora di auto da Santiago, lo stadio di Rancagua è stato quasi completamente rinnovato negli ultimi due anni. Inaugurato nel 1947, su pianta ovale, aveva l’inconsueta caratteristica di una curva totalmente staccata dalle due tribune laterali (quasi come i classici stadi all’inglese con gli angoli “vuoti”) ed era sede della squadra dei minatori di rame locali – proprietà della compagnia americana Braden Cooper Company – poi trasformatasi in Club professionistico, l’FC O’Higgins (inquilino attuale dell’impianto). Il nuovo progetto ha mantenuto il “distacco strutturale” tra la curva originale e le tribune, andando a inserire una copertura per le due gradinate laterali e rifacendo da zero 3/4 dello stadio, che ora poggia su solidi pilastri esterni in cemento armato lungo tutto il perimetro.



    2015

    *


    Estadio Monumental David Arellano, Santiago: appena fuori dal centro della capitale, in zona sud-est, c’è l’Estadio Monumental, intitolato a David Arellano, calciatore cileno di inizio ‘900 considerato il fondatore del Colo-Colo, oggi il Club cileno più vincente. La costruzione dell’impianto si è snodata su più decenni, iniziata nel 1957 (ma il Colo-Colo utilizzava il terreno di gioco già dal 1946), interrotta dal terremoto del 1960 e terminata nel 1974. Nonostante i progetti iniziali fossero per uno stadio da 120.000 posti, la realtà portò a un impianto di circa 50-60.000 spettatori, ulteriormente modificato nel periodo più recente (l’impianto illuminazione è datato 1991). La particolare impostazione dello stadio del Colo-Colo lo rende tra i più “caldi” del Sud America: le gradinate sono ricavate all’interno di una conca e terminano a soli 5m di distanza dal campo di gioco, posizionato a un livello più basso rispetto al piano stradale esterno.


    *

    1938
    Estadio Nacional
    , Santiago
    : restiamo nella capitale per lo stadio più importante del lotto: l’Estadio Nacional, intitolato allo storico giornalista sportivo cileno Julio Martínez, è stato inaugurato nel 1938 e ha già ospitato partite del Mondiale, della Copa América e della Copa Libertadores. Il progetto originale, guidato dall’austriaco Karl Brunner, aveva prodotto un impianto ispirato all’Olympiastadion di Berlino, su pianta ovale, in cemento armato, con un’impostazione vicina ai dettami dell’architettura monumentale – in voga in Europa in quel periodo. La cavea era, ed è, costituita da due anelli di gradinata, entrambi con stessa inclinazione tali da sembrare un unicum che rende lo stadio ancor più imponente. Superfluo – forse – ma certamente doveroso ricordare che l’Estadio Nacional è stato anche luogo di prigionia, trasformato in campo di concentramento e detenzione dal regime di Pinochet, dopo il golpe del 1973. Dichiarato monumento nazionale nel 2003 (insieme alla statua del discobolo, El Pilucho, posizionata di fronte a uno degli ingressi) ha subìto opera di ammodernamento nel 2010, con il miglioramento di infrastrutture e servizi – mentre la costruzione di una copertura su tutto l’impianto è stata, per il momento, accantonata. Qui gioca le sue partite casalinghe l’Universidad de Chile, protagonista “insieme” al Colo-Colo del Clásico cileno più importante.



    2006

    2015

    *


    Estadio Municipal Germán Becker, Temuco: l’unico stadio non a pianta ovale (o similare), tra quelli che ospiteranno la Copa América 2015, è il Germán Becker di Temuco. Intitolato all’alcalde della città al momento dell’inaugurazione, nel 1965, era inizialmente uno stadio che strizzava l’occhio alla classica morfologia comune agli altri impianti sudamericani, con un piccolo anello (anche se interamente coperto) che correva tutt’intorno alla pista d’atletica e al terreno di gioco. La ristrutturazione del 2008 ha, invece, cambiato volto all’impianto, rinnovandolo del tutto: lo stadio ora si presenta su pianta quadrangolare, dallo stile anglosassone, con le tribune a ridosso del campo e una copertura integrale costituita da una membrana di produzione francese, perfetta per resistere alle condizioni climatiche piuttosto variabili tipiche della zona.

    *


    Estadio Elías Figueroa, Valparaíso: non lascia molto spazio all’immaginazione, invece, l’impianto di Valparaíso, intitolato all’idolo locale Elías Ricardo Figueroa Brander, uno dei più forti calciatori cileni della storia. Inaugurato nel 1931 su pianta ovale, con un solo anello di gradinata, è stato praticamente ricostruito con i lavori del 2014. Il nuovo impianto è stato rivisto dal punto di vista strutturale, con un totale ammodernamento dei locali e dei servizi interni, ma ricalca la stessa impostazione dell’unico anello che corre tutt’attorno al campo da gioco. L’unico elemento architettonico originale preservato e re-inserito nel nuovo stadio è l’edificio d’ingresso aulico esterno alla tribuna principale. In stile art-deco, con elementi neoclassici, si intreccia oggi alla perfezione con i grandi schermi a led che coronano la facciata della tribuna e portano l’impianto in una nuova era. A Valparaíso è di casa il Santiago Wanderers, vincitore di tre campionati cileni, l’ultimo dei quali conquistato nel 2001.


    L'edificio di ingresso principale

    *


    Estadio Sausalito, Viña del Mar: chiudiamo questo lungo viaggio tra gli stadi cileni della Copa América 2015, con il rinnovato impianto di Viña del Mar. Inaugurato nel 1929, la caratteristica principale dello stadio è la sua posizione: inserito in un contesto completamente naturale, tra il Lago Sausalito e il Golf Club Grandilla, l’Estadio Sausalito ha subìto un rinnovamento completo proprio in occasione del torneo continentale. E le linee guida del progetto sono andate nella direzione di legare il più possibile l’edificio con l’ambiente che lo circonda, valorizzandone le qualità di luogo vivibile dalla città anche al di fuori dello specifico evento sportivo. Per questo motivo l’edificio è avvolto esternamente da una fascia di materiale naturale che addolcisce la percezione visiva all’interno del bosco circostante. Uno degli impianti più belli di questa Copa América 2015 ospiterà, una volta terminato il torneo, l’Everton, squadra chiamata così in onore dell’omonimo club di Liverpool. L’Everton è al momento in Primera B, ma resta comunque la seconda squadra più vincente del calcio cileno al di fuori di Santiago (solo il Cobreloa può vantare più titoli).


    Il nuovo stadio nel contesto cittadino


    *

    per saperne di più:
    • Cumbia, svedesi e volpi indecise: la Copa América 2015, di Marco Maioli, link
    • Estadio Regional de Antofagasta - il progetto, in inglese, link
    • Estadio Nacional, Santiago - la teoria del restauro, in spagnolo, link
    • Estadio Municipal Germán BeckerTemuco, in spagnolo, link
    • Estadio Elías Figueroa, Valparaíso - il progetto, in spagnolo, link
    • Estadio Elías Figueroa, Valparaíso - video sul nuovo stadio, link1 e link2
    • Estadio Sausalito, Viña del Mar - il progetto, in spagnolo, link
    • Copa América - tutti gli stadi della competizione, link


    *
    Condividi questo articolo sui social usando i bottoni laterali, iscriviti al blog per ricevere ogni aggiornamento e commenta con le tue opinioni, critiche o consigli. Per scrivermi via email o seguirmi sui profili social, fare riferimento alla pagina "Contatti".

    Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Proud Partner of








    Scarica l'app mobile e registra la tua presenza in uno stadio, ogni volta che vai a vedere una partita.
    Clicca qui per leggere la recensione.

    Support

    Sostieni con una donazione la raccolta fondi da investire nello sviluppo dello stadio Benito Stirpe di Frosinone, a beneficio della squadra, dei tifosi e della comunità.

    Instagram

    Attualità