• News

    World Baseball Classic 2017, gli stadi del torneo

    world baseball classic 2017 stadi torneo

    Gli stadi che fanno da sfondo alle partite del World Baseball Classic 2017, torneo mondiale di baseball in corso questi giorni, che coinvolge quattro Nazioni ospitanti: Messico, Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud.

    L’edizione 2017 del World Baseball Classic sta entrando nel vivo proprio in queste ore, con le ultime partite della prima fase. Iniziato il 6 marzo, terminerà con la finale di Los Angeles il 22 marzo prossimo ed è il torneo mondiale di baseball più importante a livello di Nazionali.

    Creato nel 2006, ha successivamente sostituito il vecchio format del Mondiale – in essere dal 1938 – che non riusciva a ottenere un seguito adeguato, essendo limitato a giocatori non-professionisti. Il WBC, invece, è stato da subito indirizzato ai giocatori delle massime leghe nazionali del mondo e la sua costituzione è stata anche promossa dalla stessa MLB americana.

    Quella attualmente in corso è la quarta edizione, vi partecipano 16 squadre, e si svolge su due fasi preliminari e una fase finale.

    * il torneo è visibile in diretta tv in Italia sui canali Fox Sports

    Le partite del World Baseball Classic 2017 si giocano in sei stadi, dislocati in quattro Nazioni ospitanti:
    • Gocheok Sky Dome (Seul, Corea del Sud)
    • Tokyo Dome (Tokyo, Giappone)
    • Estadio Charros de Jalisco (Zapopan, Messico)
    • Dodger Stadium (Los Angeles, USA)
    • Marlins Park (Miami, USA)
    • Petco Park (San Diego, USA)

    estadio de jalisco world baseball classic 2017 italia
    Estadio de Jalisco, Zapopan - l'Italia gioca qui tutte le partite della prima fase

    La prima fase vede le 16 squadre divise in quattro gironi da 4, e ogni gruppo ha uno stadio di riferimento:
    • Gruppo A (Israele, Olanda, Corea del Sud, Taipei) @ Gocheok Sky Dome, Seul
    • Gruppo B (Giappone, Cuba, Australia, Cina) @ Tokyo Dome, Tokyo
    • Gruppo C (Rep. Dominicana, USA, Colombia, Canada) @ Marlins Park, Miami
    • Gruppo D (Porto Rico, Venezuela, ITALIA, Messico) @ Estadio C. de Jalisco, Zapopan

    Alla seconda fase accedono le prime due di ogni girone, formando due gruppi da 4. Anche in questo caso i due gironi avranno uno stadio dedicato per le rispettive partite in programma:
    • Gruppo E @ Tokyo Dome, Tokyo;
    • Gruppo F @ Petco Park, San Diego.

    L’incrocio fra le prime due squadre dei due gironi darà poi vita a semifinali e finale, tutte di scena al Dodger Stadium di Los Angeles.

    Andiamo ora alla scoperta degli stadi che ospitano il World Baseball Classic 2017:

    ESTADIO DE JALISCO, ZAPOPAN - forse il meno conosciuto tra quelli ospitanti il torneo, l’Estadio de Jalisco si trova nella località di Zapopan, parte dell’area metropolitana di Guadalajara, Messico. L’impianto è il più piccolo del WBC 2017, con 16.000 posti, e nasce per l’atletica, ospitando i Giochi PanAmericani del 2011, poco dopo l’inaugurazione. Costruito su una classica pianta ovale, viene adattato al baseball con l’aggiunta di una serie di gradinate a contorno del “diamante” di gioco, mentre l’arco di tribuna principale resta l’elemento più importante dello stadio: qui è interessante la soluzione di una copertura formata da una serie di vele (o petali) affiancate, funzionali soprattutto per un discorso di riparo dal sole.

    Dal 2014 è lo stadio di casa dei Charros de Jalisco, squadra di baseball che milita nella Liga Mexicana del Pacifico, il campionato nazionale messicano. Il terreno di gioco è in erba sintetica e per la costruzione furono investiti circa 30 milioni di $.

    ***

    SKY DOME, SEUL - a Seul, invece, si trova lo Sky Dome, lo stadio più grande della Corea del Sud. Inaugurato nel 2015 e costato poco più di 200 milioni di $, è la casa dei Nexen Heroes, franchigia locale di baseball. Lo stadio coreano è un’arena al coperto destinata al baseball ma anche a eventi sportivi e culturali lungo tutto il corso dell’anno. 

    La storia della sua costruzione è abbastanza travagliata, lungo sei anni di tempo e varie modifiche al progetto, ma il risultato è sicuramente rilevante: un edificio a guscio con una copertura segnata da un ovale semi-trasparente nella porzione centrale. Le gradinate si risolvono in un grande settore a quattro livelli che abbraccia i due lati del diamante di gioco, più uno più piccolo frontale al battitore, per una capienza totale di 17.000 posti (22.000 in caso di concerti musicali).

    sky dome seul world baseball classic 2017

    ***

    TOKYO DOME, TOKYO - l’altro stadio “indoor” del World Baseball Classic 2017 è il Tokyo Dome, a Tokyo, in Giappone. Soprannominato “il grande uovo” è uno degli impianti storici dello sport indoor mondiale. Inaugurato nel 1988, dopo tre anni di lavori, è l’arena di baseball al coperto più grande del mondo, e fa parte di un’area di intrattenimento più ampia, denominata Tokyo Dome City (dove si trovano anche un parco divertimenti e un hotel).

    Ha un terreno di gioco in erba artificiale modello FieldTurf dal 2002 (mentre in precedenza era dotato dello storico AstroTurf, tipologia originale dei primi campi da gioco artificiali della storia degli impianti sportivi, soprattutto americani) e può ospitare 55.000 persone.

    Il Tokyo Dome è una tipologia “air-supported” di stadio indoor, cioè un impianto dove la membrana di copertura viene mantenuta in essere dal continuo pompaggio di aria all’interno dell’impianto (con una pressione di circa lo 0,3% in più di quella esterna). In pratica lo stesso concetto di base applicato ai palloni pressostatici comunemente noti nei campi da tennis o da calcetto.

    tokyo dome world baseball classic 2017

    ***

    DODGER STADIUM, LOS ANGELES - uno dei luoghi iconici dello sport americano, il ballpark di L.A. è stato inaugurato nel 1962 e, da allora, ha scritto molte pagine di storia del baseball a stelle e strisce.

    Le sue gradinate, in alcuni settori, arrivano fino al quinto anello, per una capienza totale di 56.000 posti. Per la sua costruzione il terreno collinare nella zona di Elysian Park era stato letteralmente scavato e reso pianeggiante, apposta per accogliere il nuovo impianto e le aree d’accesso circostanti. I seggiolini originali in legno sono ormai un ricordo (sostituiti già negli anni ’70) e il progetto originale prevedeva anche un possibile futuro ampliamento a 85.000 posti, mai realizzato.

    Ogni anno il Dodger Stadium viene ritinteggiato completamente e un team di giardinieri viene assunto per risistemare il verde di tutta la zona attorno all’impianto. Negli ultimi dieci anni l’impianto è stato ristrutturato e ammodernato continuamente nei servizi e nelle strutture interne ma resta ancora uno dei pochi stadi americani praticamente uguali a sé stessi, nonostante l’età.

    dodger stadium world baseball classic 2017

    ***

    MARLINS PARK, MIAMI - con circa 36-37.000 posti (in base alle restrizioni) è il terzo stadio più piccolo della MLB americana ma anche uno dei sei “ballpark” della lega ad avere una copertura retrattile. Costruito fra il 2009 e il 2012, si erge sul luogo del vecchio Orange Bowl della città della Florida, storico impianto dei Miami Dolphins (e teatro di alcune scene di un celebre film con Bud Spencer e Terence Hill).

    Finanziato a tre, fra Miami Marlins (la franchigia di baseball locale), Contea di Miami-Dade e municipalità di Miami, è costato più di 600 milioni di $ ma tra mutuo iniziale, costi e contratto di gestione, verrà a costare alla Contea un totale di 2,6 miliardi di $ entro il 2049.

    Costruito in stile contemporaneo (il primo ballpark americano di questo genere) è soprattutto eco-sostenibile, con materiali a basso livello inquinante scelti ovunque possibile – le pareti delle suite sono in bamboo e non in legno trattato - e soluzioni ad alto risparmio ed efficienza energetica, come l’ampio uso di vetrate che riducono al minimo la necessità della luce artificiale.

    marlins park world baseball classic 2017

    ***

    PETCO PARK, SAN DIEGO - ancora in California per l’ultimo degli stadi da scoprire, tra quelli ospitanti il World Baseball Classic 2017. Petco Park, casa dei San Diego Padres, è stato inaugurato nel 2004 ed è uno degli stadi di baseball progettati secondo lo stile “retro-modern” (che avevamo già visto per il Progressive Field di Cleveland, qui).

    Può ospitare circa 40.000 persone e il costo di costruzione fu, all’epoca, di 450 milioni di $. I tempi, invece, si dilungarono leggermente rispetto alle previsioni: lo stadio avrebbe dovuto essere inaugurato due anni prima ma l’edificio della fabbrica Western Metal (costruito nel 1909) era sotto vincolo di tutela e non poteva essere demolito. Risultato, il progetto cambiò – lo stadio fu ruotato leggermente e l’ex fabbrica venne inglobata nell’impianto, diventando a tutti gli effetti una delle tribune con palchi in un angolo del campo. Dopo i rinnovamenti degli ultimi anni, Petco Park ha anche un settore a posti in piedi nella parte ovest dello stadio.

    petco park world baseball classic 2017
    Petco Park, ph WBC

    dodger stadium world baseball classic 2017
    Dodger Stadium, teatro di semifinali e finale del World Baseball Classic 2017


    *
    Condividi questo articolo sui social usando i bottoni laterali, iscriviti al blog per ricevere ogni aggiornamento e commenta con le tue opinioni, critiche o consigli. Per scrivermi via email o seguirmi sui profili social, fare riferimento alla pagina "Contatti".


    Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il nome dell'autore e del blog, e il link all’articolo originale.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Proud Partner of








    Scarica l'app mobile e registra la tua presenza in uno stadio, ogni volta che vai a vedere una partita.
    Clicca qui per leggere la recensione.

    Attualità

    Support

    Sostieni con una donazione l'installazione della gradinata a posti in piedi nello stadio dello Shrewsbury Town, la prima in Inghilterra dal 1990!