• News

    San Diego, l'ex-fabbrica diventata una tribuna dello stadio

    petco park san diego western metal ph jerry jeff walker

    L'esempio di come una progettazione virtuosa e creativa possa adattare il progetto di un nuovo stadio alla preesistenza di un edificio vincolato con valore storico-architettonico.

    Quando, nella primavera del 2000, a San Diego si iniziò la costruzione del nuovo stadio per la franchigia locale di baseball - i San Diego Padres -, nessuno poteva pensare che il progetto sarebbe cambiato completamente a metà strada.

    Ritardi e intoppi possono sempre avvenire, ma ciò che costrinse i tecnici a rivedere, in corsa, parte del progetto non era certo prevedibile.

    I Padres, all'epoca, giocavano al Qualcomm Stadium - originariamente San Diego/Jack Murphy Stadium - dal 1968 in coabitazione con i Chargers, squadra di football della città (Chargers che, da quest'anno, sono stati trasferiti a Los Angeles, lasciando un punto interrogativo sul futuro dell'impianto).

    Alla fine degli anni '90, però, si decise per la costruzione di un "ballpark" che fosse casa esclusiva dei Padres e nel 2000 venne dato l'inizio ai lavori. Al costo totale di circa 450 milioni di dollari - in parte finanziati da due organizzazioni locali dedite alla riqualificazione della città - l'impianto fu collocato nella parte costiera di San Diego, nel quartiere Gaslamp, a Downtown, area portuale che si era sviluppata in particolare verso la fine dell'800.


    petco park san diego western metal architettura
    Petco Park, San Diego, veduta aerea

    WESTERN METAL SUPPLY COMPANY

    Ed è proprio da quegli anni che arriva il "protagonista" che si inserirà nella storia di Petco Park. Si tratta della sede della Western Metal Supply Company, oggi uno degli edifici più caratteristici di tutta San Diego.

    Costruito nel 1909, al costo di circa 60.000$ (cifra ragguardevole per l'epoca, oggi sarebbero quasi 2 milioni di $), era stato progettato da Henry Lord Gay, per una compagnia fondata nel 1888 e inizialmente specializzata nella produzione di ferro e acciaio per forgiatori, maniscalchi e fabbri.

    I primi decenni del '900 erano un momento di grande fermento industriale negli Stati Uniti e l'azienda ampliò presto i suoi orizzonti, andando ad abbracciare anche la produzione di componenti e forniture per l'idraulica, per l'industria automobilistica e impiantistica in genere.

    Inesorabile, il declino dell'azienda giunse negli anni '70, con la cessione nel 1972 e il fallimento tre anni dopo. Restava soltanto l'edificio in mattoni rossi, con la scansione regolare di finestre e aperture, tipica della prima epoca industriale americana di inizio '900.


    petco park san diego western metal architettura
    L'edificio della Western Metal in una foto d'epoca

    L'IPOTESI DI DEMOLIZIONE E IL NUOVO PROGETTO

    Dichiarato "edificio storico" dalla città di San Diego nel 1977, l'ex fabbrica si ritrova comunque sull'orlo della demolizione proprio nell'ambito del progetto del nuovo stadio dei Padres. In una situazione simile a quella attuale di Roma, fra il progetto del nuovo stadio e il vincolo apposto sull'Ippodromo di Tor di Valle, allo stesso modo il nuovo stadio di baseball di San Diego prevedeva la demolizione dell'edificio, nonostante il suo certificato valore storico-architettonico.

    La svolta, però, arriva dall'impegno deciso e risoluto della Heritage Architecture and Planning, una società di architetti locali impegnati sul territorio per la salvaguardia dell'architettura di valore storico e il re-inserimento nei progetti contemporanei.

    Il progetto viene rivisto - con conseguente ritardo di due anni sui tempi di inaugurazione - e non solo l'edificio della Western Metal non viene demolito ma, anzi, viene integrato nel nuovo stadio, diventando una delle "tribune" di Petco Park.


    petco park san diego western metal architettura
    L'edificio della Western Metal durante l'inizio della costruzione dello stadio, 2002, ph Vincent Martin

    Con un mirato lavoro di ammodernamento, vengono aggiunte balconate che guardano sul campo, una terrazza panoramica, un ristorante interno, suites private e il negozio della squadra. Inoltre, l'ex fabbrica viene implementata strutturalmente per rispondere pienamente ai criteri anti-sismici attuali e sulla facciata viene mantenuta l'insegna della fabbrica originale.

    L'intero progetto viene rivisto e lo stadio è costruito partendo dall'edificio della Western Metal. Il punto di partenza è la distanza tra l'ex fabbrica e il monte di lancio del campo, le tribune e il resto vengono inserite di conseguenza.

    Petco Park può ospitare circa 40.000 persone ma alcune di loro possono vedere la partita da un posto speciale. Un edificio industriale incastrato in uno stadio di baseball e diventato il suo segno più caratteristico grazie alla creatività e all'apertura mentale dei progettisti e delle persone coinvolte. Un segno della storia di San Diego proiettato nel futuro, con una nuova funzione ma con un'identità architettonica immutata.

    petco park san diego western metal architettura
    Petco Park adattato per il tennis, Coppa Davis 2014, USA-Gran Bretagna

    petco park san diego western metal architettura
    L'edificio della Western Metal dall'esterno, oggi

    petco park san diego western metal architettura
    Vista aerea di Petco Park con l'edificio della Western Metal in primo piano, in basso

    *
    Condividi questo articolo sui social usando i bottoni laterali, iscriviti al blog per ricevere ogni aggiornamento e commenta con le tue opinioni, critiche o consigli. Per scrivermi via email o seguirmi sui profili social, fare riferimento alla pagina "Contatti".

    Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il nome dell'autore e del blog, e il link all’articolo originale.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Proud Partner of








    Scarica l'app mobile e registra la tua presenza in uno stadio, ogni volta che vai a vedere una partita.
    Clicca qui per leggere la recensione.

    Attualità