Storia e Architettura degli Stadi

  • News

    Champions League africana, gli stadi delle finali 2018

    africa champions league finale stadi guida
    Presentazione degli stadi di Egitto e Tunisia che ospiteranno la finale della Champions League africana 2018.

    L'Africa è pronta a fermarsi per l'atto finale della CAF Champions League: Al-Ahly contro Espérance de TunisLa massima competizione per club del continente africano avrà il suo epilogo nella doppia sfida in programma il 2 e il 9 novembre 2018: la gara d'andata si giocherà ad Alessandria d'Egitto, il ritorno a Tunisi.

    Di fronte il club più titolato d'Africa, l'Al-Ahly (club della capitale Il Cairo), con il record di 8 titoli in bacheca, e l'Espérance de Tunis, società polisportiva tunisina, con due coppe vinte (e quattro finali perse). Curiosamente i due club si sono già affrontati nella fase a gironi di quest'edizione e - soprattutto - nella finale di Champions League 2012, quando a prevalere fu l'Al-Ahly.

    Gli stadi della finale saranno il Borg El Arab Stadium (Alessandria d'Egitto), per la gara d'andata, e l'Olympique de Radès (Tunisi), per la partita di ritorno.

    leggi anche: "5 motivi per seguire la finale di CAF Champions League"
    diretta tv: le due partite di finale saranno trasmesse in diretta in Italia su DAZN


    Borg El Arab Stadium, Alessandria d’Egitto
    finale d'andata, Al-Ahly - Espérance, 2/11/2018, ore 20 ita

    Oltre a essere il secondo stadio più grande dell’Africa (86.000 posti, secondo solo al Soccer City di Johannesburg, in Sudafrica), l’El Arab Stadium di Alessandria d’Egitto è a tutti gli effetti un edificio che rappresenta la nazione. Inaugurato nel 2006, è stato progettato dal corpo ingegneri delle Forze Armate egiziane, ed è convenzionalmente descritto utilizzando la misurazione locale: si dice, infatti, che l’impianto sia “di 145 feddan” per indicarne l’ampiezza in superficie. Il feddan è l’unità di misura delle aree negli stati di Egitto, Oman, Siria e Sudan – e corrisponde a circa 4.200 m². L’intero complesso sportivo dello stadio copre, quindi, una superficie di 600.000 m².
    africa champions league finale stadi guida alessandria egitto

    Il Borg El Arab Stadium si trova a sud-ovest del centro storico di Alessandria d’Egitto, ed è dotato di 136 ingressi con tornelli elettronici, oltre a un hotel per 200 ospiti (riservato soprattutto alle squadre e agli atleti) e un sistema di aria condizionata in tutti i locali e i percorsi interni. Nei pressi dell’impianto si trovano due campi d’allenamento (entrambi con gradinate da 2.000 posti), per quello che sarebbe dovuto essere uno dei cinque nuovi stadi per la candidatura dell’Egitto a ospitare i Mondiali 2010. La struttura ovale che abbraccia il campo da gioco è suddivisa su due anelli di gradinata continui, e solo la tribuna centrale è coperta da una tettoia a sbalzo lunga quasi 200 metri. La pista d’atletica circonda il prato centrale e lo stadio è attrezzato per ospitare qualunque disciplina olimpica.

    Il terreno di gioco è disposto sull’asse nord-sud, con inclinazione di circa 12° a ovest: in questo modo rimane in linea con la direzione comune dei venti locali, evitando che questi possano influenzare il gioco in modo eccessivo. Ad accogliere i visitatori, all'esterno del piazzale dello stadio, un portale monumentale in stile neoclassico a quattro fornici (due archi centrali maggiori di passaggio, e due minori laterali) e l'iscrizione "Egyptian Army Stadium" sul frontone superiore.
    africa champions league finale stadi guida alessandria egitto



    Stade Olympique de Radès, Tunisi
    finale di ritorno, Espérance - Al-Ahly, 9/11/2018, ore 20 ita

    Situato a sud-est di Tunisi, a una decina di km dal centro città, lo Stadio Olimpico di Radès è inserito in un complesso polisportivo di grande importanza per il paese. Inaugurato nel 2001, dopo tre anni di lavori, in occasione dei Giochi del Mediterraneo, è un impianto da 60.000 posti progettato dall’architetto olandese Rob Schuurmann (già autore dell’Amsterdam ArenA).

    Tecnicamente Radés è una città portuale ai confini di Tunisi, ma viene abitualmente considerata come un sobborgo parte integrante della capitale. Lo stadio è inserito nella cosiddetta “Olympic City”, distretto progettato in modo specifico a destinazione sportiva (per i Giochi del Mediterraneo prima, e a uso della popolazione poi) di cui è l’elemento centrale e più importante.

    Sulla spianata ai bordi della Foresta di Radés, trovano posto anche un piccolo stadio per l’atletica, due campi da calcio per allenamenti e il Palazzetto dello Sport da 17.000 spettatori. Il viale centrale monumentale conduce dall’autostrada all’interno del complesso, e porta direttamente allo Stadio Olimpico, inscritto in un’area d’accesso circolare per i tifosi (la forma del cerchio si ripete e si espande a disegnare le zone di parcheggio e gli svincoli stradali, caratterizzando il disegno urbano dell’intero distretto sportivo). Lo stadio è completamente coperto con una struttura a velario ed è segnato da coppie di rampe elicoidali ai quattro angoli, per l’accesso dei tifosi all’interno. Un portale d'ingresso addossato allo stadio, al termine del viale, celebra lo stile decorativo e architettonico locale, riproponendo colori e forme dell'architettura araba.

    L'Olympique de Radès ha ospitato la finale di Supercoppa di Francia nel 2010 (Olympique Marsiglia v PSG 0-0) ed era stato inaugurato con un’altra finale, quella di Coppa di Tunisia del 2001 (Hammam-Lif v Etoile du Sahel 1-0).

    Il 7 novembre 2004 l'Italia ha giocato qui un'amichevole, vincendo contro la Tunisia 4-0.
    africa champions league finale stadi guida tunisi


    Embed from Getty Images


    ❖ foto di copertina | By Source, Fair use, EN Wikipedia
    ❖ foto portale d'ingresso Borg El Arab Stadium | Amr Mansour
    ❖ foto Olympique De Radès | Getty Images - Jamie McDonald

    *
    Ti è piaciuto questo articolo?
    Sempre più persone apprezzano Archistadia e i suoi contenuti. La lettura di questo sito web sarà sempre gratuita e accessibile a tutti ma Archistadia ha dei costi. Dietro ogni articolo c'è un importante impegno di tempo, lavoro e dedizione.
    Se vuoi che Archistadia continui a essere un sito di approfondimento di qualità aperto a tutti, contribuisci con una donazione. Basta anche 1 €, qualunque sia il tuo contributo aiuterai questo progetto a continuare e a migliorare costantemente. Grazie!


    Sostieni Archistadia

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Social

    Proud Partner of

    Scarica l'app mobile e registra la tua presenza in uno stadio, ogni volta che vai a vedere una partita.
    Clicca qui per leggere la recensione.